Padova: Mercedes Italia festeggia 40 anni

Auto e Moto d’Epoca 2014
Mercedes-Benz Italia compie 40 anni

A Padova, in occasione di Auto e Moto d’Epoca, l’immancabile appuntamento per gli appassionati del Classic, Mercedes-Benz Italia festeggia i suoi primi quaranta anni di attività; una vera e propria storia d’amore con la Penisola dove la Casa di Stoccarda ha venduto fino ad oggi 1,5 milioni di vetture. Un matrimonio di successo il cui “Il merito principale va alla grande azienda che abbiamo l’onore di rappresentare”, affermava Piero Boccanelli, Presidente Mercedes-Benz Italia dal 1973 al 1981, “alla sua capacità di produrre auto di eccellenza, agli uomini che la dirigono, alla nostra volontà, il nostro continuo sforzo di anticipare le evoluzioni e i cambiamenti socioeconomici, la nostra costante determinazione nell’affermare e nel portare avanti i valori chiave del marchio Mercedes-Benz e la sua immagine”. Quaranta anni raccontati attraverso le pagine di ‘Autoritratto’, un libro che sottolinea come l’industria automobilistica, più di altri settori, abbia colto i mutamenti sociali e lo sviluppo economico realizzando prodotti e soluzioni di mobilità in sintonia con la cultura, le esigenze e le aspettative di una società che nel corso degli anni ha completamente cambiato il proprio modo di muoversi e comunicare.

Mercedes-Benz Italia festeggia i suoi primi quaranta anni di attività. Quattro decadi di passione, successi e obiettivi sempre più ambiziosi raccontate oggi attraverso un libro che vede protagonisti persone, modelli ed eventi che hanno lasciato un segno nella storia della Stella in Italia. “Festeggiare un compleanno è sempre una bella cosa”, ha dichiarato Ewald Andratsch, Vicepresidente e Amministratore Delegato di Mercedes-Benz Italia dal 1983 al 1990, in occasione del 15° anniversario dalla fondazione della rappresentanza in Italia, “sia esso quello di una persona o, come nel nostro caso, di un’azienda; se poi in questa ricorrenza, si presentano tante soddisfazioni, il piacere è ancora più grande”.
Una storia che inizia il 18 aprile 1973 a Roma, quando la casa automobilistica tedesca, cavalcando l’ondata di cambiamento ed innovazione che stava colpendo il settore automobilistico e della mobilità in generale, fondò Mercedes-Benz Italia.
La filiale ufficiale della Stella fu aperta a Roma, in via degli Abruzzi 3, ed inizialmente fu dedita esclusivamente alla vendita di veicoli commerciali ed industriali. Hans Breithaupt, primo a guidare la Mercedes-Benz Italia in qualità di Amministratore Delegato, fu anche tra i maggiori promotori di questa nuova scommessa italiana, tanto da spingersi ad affermare di fronte all’allora Presidente Boccanelli: “mi faccia fare a modo mio per un anno e vediamo i risultati; se non arrivano, mi dimetto”. Ma tutto funzionò per il meglio.

Gli anni ‘80 in Italia sono per Mercedes quelli del primo importante allargamento della gamma e quindi del mercato. In termini percentuali, si verifica la progressione più importante nella storia della Mercedes-Benz Italia che, dal 1982, ha riunito in un’unica organizzazione la commercializzazione di veicoli industriali, commerciali e delle vetture. I risultati sono immediati e significativi tanto che, nella penisola, il marchio chiude il decennio con oltre 35.100 vetture, quasi il triplo di quelle consegnate nel 1980.

Il cammino positivo prosegue di anno in anno e si conferma con i record di fatturato ed immatricolazioni del 1991/1992, che consentono alla Stella di assorbire la battuta d’arresto del mercato nel 1993. Risultati importanti, non solo nei numeri, che valgono al nostro Paese l’affermazione come secondo mercato di esportazione per Mercedes-Benz dopo gli Stati Uniti. Al Salone di Torino, la SL (R 129) viene insignita del ‘Car Design Award’ consegnato a Bruno Sacco, Responsabile del Centro Stile Mercedes-Benz. Intanto, nel 1995 in via Giulio Vincenzo Bona a Roma viene inaugurata la nuova, attuale e futura, sede di Mercedes-Benz Italia.

Il 2000 in Italia apre un vero e proprio decennio da primato, con il record assoluto di immatricolazioni Mercedes raggiunto nel 2007 con oltre 77.700 vetture e l’affermazione definitiva e proporzionalmente clamorosa del marchio smart nel nostro Paese. Nel 2008, però, la crisi mondiale causa il crollo del mercato e riporta bruscamente il livello delle vendite a quello di dieci anni prima.
Uscire dalla crisi è la parola d’ordine che apre il decennio attuale ancora a metà del suo percorso. Per Mercedes, il modo migliore per affrontare questa sfida risiede nel saper praticare qualsiasi strada e cogliere ogni opportunità, attrezzandosi a livello di competenze tecniche e di organizzazione industriale.
Essere presenti in Italia non vuol dire solamente commercializzare e fornire vetture in modo più efficiente e rapido; significa partecipare alla vita ed al progresso sociale del Paese attraverso il sostegno e la promozione alle principali iniziative artistiche, culturali, ma anche sportive e solidali. “Un sistema, quello di Mercedes-Benz Italia, che dà lavoro a 5 mila persone”, ha dichiarato Alwin Epple, Presidente in carica di Mercedes-Benz Italia. “Per una multinazionale è fondamentale assorbire lo spirito e i valori che ciascun Paese è in grado di esprimere, influenzando positivamente l’intera attività globale’’. La valorizzazione di attività di corporate social responsibility ha rappresentato fin dal primo momento una costante priorità nell’ambito delle attività di Mercedes-Benz Italia, che ha voluto così consolidare la propria integrazione nel contesto sociale, economico e culturale del Paese.

La rete del successo
La visione di Mercedes-Benz Italia è sempre stata legata al valore dei servizi verso la clientela e, quindi, alla rete di vendita e assistenza, che rappresenta sul territorio l’ideale anello di congiunzione tra le strategie ed i prodotti di un grande Gruppo e il rapporto quotidiano con chi possiede una vettura ed un veicolo commerciale con la Stella. L’esperienza di marca, in estrema sintesi, passa dagli showroom e da ogni singolo collaboratore delle officine, di Filiali e Concessionarie sul territorio. Per offrire servizi di qualità al cliente occorre, infatti, una squadra che condivida la cultura del servizio legata alle aspettative di una clientela premium, nella consapevolezza che rappresentare in Italia il marchio Mercedes-Benz costituisca un’opportunità di successo e reddittività.

Made in Italy
Per un grande costruttore globale, fabbricare auto significa anche saper anticipare le tendenze e pensare al futuro, alla ricerca di quell’innovazione continua che è garanzia di successo considerando, oltre agli aspetti tecnici e industriali, anche quelli legati al design. Mercedes-Benz ha quindi guardato all’Italia come culla naturale dell’arte, della raffinatezza e del gusto applicati a tutte le espressioni del buon vivere ed ha deciso di aprire proprio nella Penisola, a Como, il Mercedes-Benz Advanced Design Studio. La Casa con la Stella è stato il primo marchio estero ad avere un proprio design center in Italia. L’Advanced Design Studio rappresenta un’autentica miniera di creatività e una preziosa ‘antenna’ inserita nel cuore della sensibilità italiana, dove stilisti di ogni estrazione ricercano soluzioni e materiali all’avanguardia da utilizzare negli interni delle prossime generazioni di vetture della Stella. Dal 1998, la prestigiosa sede di Villa Salasar ha ideato design, indagato tessuti e pelli e sviluppato prototipi, offrendo un contributo culturale fondamentale alle automobili della Stella di oggi e del prossimo futuro.

Condividi questo comunicato:

Post collegati

I Commenti sono chiusi